Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 
anni60me social
  
stay connected
 
 
anni60me in streaming
stay tuned
 
 
anni60me App
stay apped
 
 

Merì, referendum per l'impianto di cremazione

Nel comune di Merì, si rende necessario “Un referendum per valutare e tenere in debita considerazione il parere dei cittadini relativamente alla costruzione di un impianto di cremazione nel territorio comunale”. La proposta è del gruppo consiliare di minoranza che, in un documento inviato al Sindaco, all’Amministrazione Comunale al completo, al Presidente del Consiglio, al Segretario, al Responsabile del Settore Tecnico-Manutentivo, all’Azienda Sanitaria Provinciale, agli Assessorati Regionali al Territorio ambiente, delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica, viene chiesta la revoca o l’annullamento in autotutela della Delibera di Giunta Municipale dello scorso 13 agosto e l’introduzione del Referendum per la progettazione, costruzione e gestione, in concessione con la formula “Finanza di Progetto”, di un impianto per la cremazione. La struttura sarebbe realizzata in un’area limitrofa lato monte del cimitero di Merì, costituendo di fatto un ampliamento dello stesso cimitero comunale. Il gruppo consiliare di opposizione ha ritenuto opportuno il coinvolgimento dei cittaini di Merì, dal momento che l’opera avrebbe una rilevante importanza sociale, ma anche un impatto ambientale. Per questi motivi, il mezzo democratico più indicato secondo il gruppo di minoranza sarebbe quello di decidere attraverso sulla costruzione dell’impianto.

Go to top